/

Una casa come una villa

La residenza si sviluppa su tre elevazioni, la abita una famiglia di cinque persone. La loro richiesta è stata quella di rimodulare gli spazi in chiave contemporanea, riadattandoli alle loro esigenze. La casa si presentava con una distribuzione macchinosa che non sfruttava le proprie potenzialità, negando il rapporto con lo spazio esterno di pertinenza. La zona notte viene lasciata al piano più alto, creando al piano intermedio uno spazio di filtro, dove trova posto la cucina ed il soggiorno, disponendo invece il living alla quota inferiore insieme ad una dependance per il figlio maggiore. Il livello superiore mantiene una distribuzione a pettine, gli spazi delle camere vengono disegnati su misura e personalizzati, mentre negli gli altri due livelli le tramezzature vengono ridotte al minimo: si genera uno spazio libero, dove le funzioni vengono scandite dal cambio di pavimentazione in resina e parquet. Si è intervenuto sul solaio, creando una doppia altezza che lega gli ambienti principali in un percorso visivo, la scala si arrampica sul muro, connette le quote e stabilisce una relazione di continuità verticale fra i due livelli. Scendendo la prospettiva del living termina con una grande libreria: Scorrendo la porta in vetro, il disegno della boiserie nasconde la camera da letto, la cabina armadi ed il bagno. Si ricerca il dettaglio curando ogni parte sartorialmente: il disegno dei parapetti, diventa un unico sistema con il mobile d’ingresso, questo a sua volta si incastra perfettamente col disegno della pavimentazione affinché ogni tassello completi il puzzle rendendo ogni pezzo imprescindibile.

Progetto Giorgio La Leta_ La Leta Architettura

Crediti: Tipologia: Ristrutturazione Villa unifamiliare Anno di progetto: 2019; Anno di completamento: 2020; Cliente: Privato; Luogo: Palermo (Pa)
Progetto: Giorgio La Leta | La Leta Architettura; Collaboratore: Marco Zanca; Impresa: Edil 3G; Realizzazioni in legno: Laredo; Realizzazioni in ferro: Forniture: Strano, San Filippo Acqua e Materia, Industria Marmi Lo Bianco, Vetreria Buscetta, Vetreria Alioto Indoor: Longho Design Store; Vivaista: Lo Verso; Fotografie: Serena Eller

Previous Story

Comprendere la seconda modernità